Problemi di peso


Dopo le feste, come tutti sulla faccia di questa terra apparte Roby e Marìka, sono ingrassato. Ma non di un chilo, perché io devo sempre essere esagerato. Di 5 chili. Come quando all'asilo tutti i bambini mangiavano le formiche, io mangiavo le cavallette e le lucertole. Dovevo sempre strafare. In compenso oggi so che una cavalletta ha un lontano retrogusto di pollo.

Comunque, dove eravamo rimasti... Ah sì, sono ingrassato. E quindi per rimediare a questo ultimamente sono diventato anch'io uno di quelli che compra robe strane e cucina robe strane. Quelle che hanno nomi che cominciano con la K, la Y, la Q e che usano tutte le lettere dimenticate dell'alfabeto. E ciò non sarebbe nemmeno male se poi non avessi l'effetto collaterale: la fame.

Ho una fame incredibile. Atavica. Viscerale. Inestirpabile. Talvolta mi fa vergognare.
Oggi avevamo un PPM. Quelle riunioni con tanta gente che non conosci e il cibo al centro del tavolo. Caffè, succo di frutta, biscotti. Biscotti. (Testa inclinata all'indietro e bavetta colante tipo Homer).

Credetemi, quando mangi cose insipide e verdurine verdurelle dalla mattina alla sera anche un biscotto può diventare il diavolo. Erano di quelli che odorano di burro, con le gocce di cioccolato o i granelli di zucchero sopra. Non ho resistito.

"Mah si...si potrebbe fare così." - "Si, riteniamo sia la cosa migliore" - "Beh, a meno che non si sviluppino problemi siamo d'accordo". Biscotto. "E per gli attori cosa avete deciso?" -"Lui è molto bravo, e poi pensavamo lui come sparring partner". Biscotto. "Si, poi per il virale...." Biscotto.

Poi venne la pausa.

Una manciata. Tutti miei. Sembravo mia nonna quando prende le pasticche per la pressione. Biscotti, venite a me! SI! E fiumi di succo d' arancia. E caffè. E biscotti. E ognibendiddio.

Stasera sono entrato in palestra ad orecchie basse. E poi a letto senza cena.
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Google Buzz

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Come ti capisco. Lo stesso giorno, in ufficio, un collega ha portato una gigantesca scatola di metallo rosso, con tutti i desegni sopra. Era alta e larga, molto capiente e i suoi colori accesi erano decisamente invitanti. Ti chiederai:"cosa diavolo c'entra una scatola di latta con i miei succulenti biscotti burrosi"? Semplice! La scatola conteneva i crumiri, li hai presente? Qui biscotti tentatori con tutta la schiena a forma di cresta di dinosauro a cui è impossibile resistere. La loro peculiarità è quella di rimanere fragranti e compatti anche una volta immersi in una tazza di tè fumante. Inutile dire che ho fatto esattamente come te, cercando di non dare nell'occhio. Cavolo... mi hai fatto tornare la voglia di biscotti! Marty

Copywater ha detto...

Maledetti Crumiri, maledetto burro!

Anonimo ha detto...

....solo perché non sei arivato alla "sbrsolona" che c'era sopra ai biscotti. A quella io non ho resistito;)

Posta un commento